Informazioni

Budoni-la tua Sardegna

BUDONI E I SUOI BORGHI

Budoni è un comune di circa 5.000 abitanti della Sardegna nord-orientale, situato all’interno della sub-regione storica delle Baronie, al confine con la Gallura. Il paese si estende vicino a piccole insenature e lunghi e ampi arenili modellati da sabbia bianchissima, che fa da cornice ad un mare cristallino. Il territorio, circondato da numerose colline, include diversi stagni e zone umide di grande importanza naturalistica, dove è possibile osservare la tipica vegetazione di giunchi e tamerici, e specie faunistiche di pregio quali il fenicottero rosa e il pollo sultano. Il centro, diventato comune autonomo nel 1959, confina a nord con San Teodoro, ad ovest con Torpé, a sud con Posada ed ospita ben 24 borghi al suo interno, il risultato spesso di antichi insediamenti che risalgono all’età nuragica, alla dominazione romana e al periodo dei giudicati (1.000-1.300). Fra le più importanti si ricordano Agrustos, al confine fra Budoni e San Teodoro, costruita lungo una via d’accesso strategica fra il mare e l’entroterra; Tanaunella con la sua conformazione urbanistica tipica di un villaggio nuragico; Berruiles, che assieme a San Silvestro, Nuditta e Maiorca forma un agglomerato le cui origini risalgono al periodo medievale. A questi si aggiungono S'Iscala, Muriscuvò, Limpiddu, Solità, San Gavino, San Lorenzo, Tamarispa, San Pietro, Lutturai, Strugas, Malamurì, Ottiolu, Birgalavò, Luttuni, Lu Linnalvu, Ludduì, Baia Sant'Anna e Matta e Peru.

 

LA CULTURA DELL'OSPITALITÀ SARDA

Budoni basa oggi la sua economia prevalentemente sul turismo balneare, grazie anche ad una pregevole organizzazione ricettiva che comprende strutture alberghiere, residenziali, campeggi, agriturismi e b&b, sempre pronti ad accogliere le diverse richieste e necessità del turista, facendo leva sulla proverbiale ospitalità sarda e sulla magia di una terra con scenari suggestivi che coniugano il verde delle colline, il bianco candido della sabbia, l’azzurro del mare e l’identità di un territorio legato profondamente alla sua storia e le sue tradizioni. Gli eventi si snodano lungo tutto l’arco dell’anno: dalla festa di Sant’Antonio Abate il 16 gennaio con l’accensione dei falò che caratterizza l’inizio delle manifestazioni del carnevale, alla processione religiosa de S’Incontru il giorno di Pasqua, alle celebrazioni del Ferragosto budonese, alla festa del Santo patrono San Giovanni Battista, il 29 agosto.

 

PORTO OTTIOLU E GLI INSEDIAMENTI NURAGICI

Il centro abitato di Budoni si sviluppa attorno alla chiesa parrocchiale di San Giovanni Battista, edificata nel 1969, e si snoda attraverso la Via Nazionale, ubicata lungo la SS125 Orientale Sarda, che ospita tutte le principali attività commerciali ed i servizi di pubblica utilità. A 5 km si sviluppa il borgo di Ottiolu, che accoglie un porto turistico con più di 400 posti barca e servizi d’eccellenza, oltre a numerosi ristoranti e locali notturni che ne fanno la località preferita dai giovani. Il territorio contiene poi numerose testimonianze dell’età neolitica e nuragica, come la Domus de Janas (casa delle fate) di L’Agliola a Solità, i nuraghi Conca 'e Bentu e Su Entosu e gli “stazzi di San Pietro”, le tipiche abitazioni galluresi risalenti al XVII secolo, alcune delle quali sono costruite in pietra, fango e malta con gli interni colorati ed il caratteristico zoccolo in pietra che corre lungo la facciata esterna creando una sorta di panca esterna.

Galleria fotografica

Domande? Fai una richiesta o chiama +39 0784 844007