Informazioni

Gruppo Folk San Giovanni Battista di Budoni

IL GRUPPO FOLK SAN GIOVANNI BATTISTA

Fondato il 24 agosto del 2012 dal suo presidente e maestro di ballo Salvatore Pittorra, prende il nome dal Santo patrono del comune di appartenenza, e inoltre rispolvera il nome del primo gruppo di Budoni esistito circa 35 anni fa, che sin da allora portava avanti le tradizioni popolari e folkloristiche della comunità budonese.

Il gruppo nasce prima come scuola di ballo nel 2012 grazie a un’idea dei suoi due principali fondatori, il presidente Salvatore Pittorra e il vicepresidente Massimiliano Cancellu, che visto il grande successo e la grande partecipazione della popolazione budonese, viene riprogettato come associazione folkloristica basata sul ballo sardo e le sue tradizioni per riportare il nome di San Giovanni Battista di Budoni nelle principali piazze della Sardegna e anche oltre i confini isolani, mandando avanti il lavoro iniziato 35 anni fa dai suoi predecessori.

Grazie alla passione e all’amore per il ballo sardo, nasce così un gruppo di giovani che sin dal primo giorno della sua fondazione ha deciso di portare avanti ed esportare la cultura, il ballo e le tradizioni della propria terra sarda e del suo splendido comune che è Budoni.

 

IL COSTUME MASCHILE

Il costume maschile è composto da:

Sa camisa (camicia) e Sos calzones (pantaloni): tutti e due realizzati con tela bianca;

Su cassu (gilet): realizzato con velluto nero a doppio petto e arricchito con bordo rosso e una trina dorata (da noi e dal precedente gruppo scelta per differenziarsi dall'altro gruppo presente nel paese) oppure con ricami colorati a punto croce o catenella;

Sas ragas (gonnellino): i primi realizzati in orbace detto furesi oggi in maggioranza fatti in panno di lana nero;

Sas calzettas (ghette): anch’esse in orbace o panno bordate rosse;

Sa chintoglia o Sa zinta (cinta): realizzata di cuoio con disegni in rilievo o intaglio con bordatura rossa;

Sa berritta (copricapo): quest’ultima realizzata anch’essa in orbace o panno nero.

IL COSTUME FEMMINILE

Il costume femminile è composto da:

Sa camisa (camicia): realizzata in tela bianca, sia nei polsi che nella pettorina risaltano i ricami con motivi floreali e i lati della pettorina vengono arricchiti con pieghe verticali da circa 1 cm che la rendono particolare e splendida per la sua lavorazione;

Sa suttana (sottogonna): in tela bianca arricchita nella sua semplicità con ricami di pizzo;

Su cassu grogu (gilet): in panno arancione o giallo e bordato da nastri di raso con motivi floreali, viene indossato sopra la camicia e infilato sotto la gonna;

Su corittu (corpetto): indossato sopra su cassu grogu ha la funzione di sorreggere il seno, viene realizzato in tre finiture: terziopelo, broccato, o in alternativa velluto semplice o ricamato;

Su zippone (giubbino): elemento conclusivo della parte superiore del costume, è una sorta di giubbino corto realizzato in terziopelo o broccato;

Sa 'unnedda (gonna): realizzata anticamente in orbace, ora piu rare vengono fatte con panno e decorate con una serie di strisce a motivi floreali, successivamente vengono fatte delle pieghe e viene messa sotto dei pesi per circa 2 mesi per dargli il caratteristico effetto plissettato;

Sa falda (grembiule): una sorta di grembiule realizzato in vari materiali, terziopelo broccato o seta, di varie tonalità di colore dal viola al nero o blu rifinito poi con decorazioni floreali;

Su muccadore (fazzoletto): copricapo in stoffa ricamato con motivi floreali puo essere nero o marrone viene fermato con una spilla d’oro e puo essere lasciato libero o richiuso sul mento.

I GIOIELLI

I vestiti, sia quello dell’uomo che della donna, vengono arricchiti con sos buttones (gemelli) ed inoltre per la donna il costume viene completato con una serie di gioielli tipici sardi: s'istella (stella), sa cara 'e coraddu (cameo), su fremmagliu (spilla), sa collana de coraddu (collana di corallo), sas uritzinas (orecchini).

Galleria fotografica

Contattaci

  • Telefono 00393386066607
Domande? Fai una richiesta o chiama 00393386066607